permalink

4

A prescindere dalla laicità e dalla Rozza

A prescindere è l’intercalare della non scelta, del nascondersi, del tenere il piede in due scarpe.A prescindere è l’intercalare di chi sa di non poter dire il contrario ma vorrebbe proprio dirlo.A prescindere è l’intercalare del wannabe, del voler essere (di destra o di sinistra a seconda dei punti di vista) ma non esserlo.

Lo ammetto, l’ho compreso oggi, mentre leggevo le dichiarazioni di Carmela Rozza, capogruppo del Pd in Consiglio Comunale a Milano, rispetto all’introduzione del registro delle coppie di fatto. Dal suo punto di vista ci dovrebbe essere libertà di coscienza “perché certe questioni non possono essere affrontate da posizione ideologiche”.

Ebbene no, i diritti civili non sono una questione ideologica.  Almeno non lo sono quanto non lo è l’abbassamento dell’Imu per le seconde case.  Non c’è alcuna differenza.

Anzi no. Non è vero. Per i diritti civili è proprio il nascondersi dietro la libertà di coscienza l’unica e vera scelta ideologica.

A prescindere da Carmela Rozza.

4 Comments

  1. Pingback: Diritti a prescindere (dalla Rozza) | Die Enttäuschung

  2. Siamo alle solite in questo Paese, sei dei membri della maggioranza, del consiglio comunale, non sono d’accordo col programma del Sindaco (e mi riferisco al vicesindaco Guida, all’assessore Granelli e al consigliere Fanzango), si dimettano pure, nessuno li obbliga a sedere in Consiglio.

  3. Sante parole carissima Chiara! Purtroppo nessuno oltre alla sottoscritta si è opposto alla proposta della ‘libertà di coscienza’. Mi sono sentita umiliata , ma nessuno se ne è reso conto, e di certo mi avranno giudicata una fanatica. Ma credimi non è piacevole sapere che la mia libertà e la mia dignitá sono variabili dipendenti dalla ‘coscienza’ di alcuni consiglieri del PD! Anita

Lascia un Commento