permalink

2

Cambiare si può

Nichi Vendola e Enrico Rossi, neo governatori di Puglia e Toscana, hanno presentato le giunte che guideranno le due regioni per i prossimi cinque anni. Nei criteri di composizione delle rispettive squadre entrambi hanno messo al primo posto il principio delle pari opportunità. E così in Toscana la giunta è composta da cinque uomini e da cinque donne, e in Puglia da sette uomini e sette donne.

Sono la dimostrazione che quando c’è la volontà di rispettare e valorizzare il ruolo delle donne nella società seguono fatti concreti.

Alla luce di questo mette ancor più tristezza pensare alla squadra di assessori della Lombardia definita da Formigoni, con solamente una donna. E irrita la leggerezza e l’arroganza con cui Formigoni ha squallidamente liquidato le critiche che gli sono state rivolte: “faremo meglio la prossima volta”.

Non ci deve essere una quinta volta.

2 Comments

  1. Ciao Chiara,
    quanto succede, conferma l’assoluta mancanza di rispetto verso la donna da parte di chi è stato malauguratamente eletto come governatore della ns. regione!
    Di contro, gli amministratori eletti in Toscana e Puglia che guarda caso sono rappresentanti di un’area politica di sinistra, con le loro decisioni che guardano finalmente alle pari opportunità, mettono in risalto la volontà di dare un peso assolutamente uguale ai due sessi!
    Comunque spero che non ci sia più un altra volta per coloro che imperturbati attuano alla luce del sole il più completo svilimento per alcuni strati sociali.
    Quindi, i giudizi dei cittadini rispetto alle amministrazioni pubbliche oltre al loro andamento generale, dovranno tenere conto delle varie decisioni ed i seguenti comportamenti più o meno morali che verranno da esse attuati.
    Per la nostra regione mi sembra che la partenza sia proprio da biasimare!

Lascia un Commento