permalink

0

C’è chi dice no

E’ un libro bello e utile di @chiaralalli. Ci racconta come l’obiezione di coscienza è cambiata negli anni, dalla leva obbligatoria contestata dai pacifisti agli odierni medici obiettori della legge 194.

Ci parla dello slittamento semantico per cui la libertà di coscienza dei pacifisti comportava anche un costo per le proprie scelte, mentre la libertà di coscienza sulla 194 (applicata tra l’altro a sproposito anche ai farmacisti) lede la libertà di scelta delle donne e può essere utile per fare carriera.

Il libro è ricco di storie vere, di donne umiliate, ed è fondamentale se vogliamo riaprire nel clima asfittico di questo Paese, un dibattito èubblico su diritti e libertà.

Lascia un Commento