Come spenderesti i 48 milioni?

La maggioranza di Roberto Maroni ha convocato per il 22 Ottobre il Referendum per l’autonomia della Lombardia. Si tratta di una consultazione che non avrà nessun effetto perché la nostra Costituzione regola in maniera diversa la richiesta delle Regioni di maggiore autonomia  (art 116). Non solo. Il Referendum ci costerà 48 milioni di Euro, tra l’organizzazione della consultazione,  la sperimentazione del voto elettronico e i costi di comunicazione. Una spesa spropositata utile solo per l’imminente campagna elettorale del centrodestra.

 

 

Se pensi di avere una buona idea che manca a questo elenco, puoi compilare questo format e inviarcela

 

3 Comments

  1. L’iniziativa e buona, ma ha il respiro corto con la divisione della sinistra.
    Ci vantiamo tanto della nostra Milano, ma vogliamo incominciare da qui a costruire la sinistra italiana ?

  2. Grazie per l’opportunità di poter esprimere LIBERAMENTE il proprio pensiero. Questa è DEMOCRAZIA e da parte sua il corretto esercizio del mandato ad operare per conto terzi.

  3. giovanni pianetta 21 luglio 2017 at 12:18 Reply

    Io non credevo ai miei occhi quando ho letto la notizia che il PD regionale invita al voto del referendum Maroni!!!! Ma l’avete letta la domanda?? Ma vi pare che un partito (sedicente) di sinistra possa avallare la richiesta di trattenere più soldi sul territorio, calpestando pure la Costituzione che chiede la solidarietà contributiva tra i differenti territori nazionali??? Io aspettavo una forte campagna politica di boicottaggio e astensionismo del referendum leghista e mi vedo invece la sollecitazione al voto!!! Certo, se rincorrono la Lega sul suo terreno non avranno di sicuro né i voti di quegli elettori né di quelli di sinistra….