permalink

0

Lavoro, allarme rosso

L’ennesimo grido d’allarme di CGIL Lombardia: nei primi quattro mesi del 2012 i licenziati sono stati 31mila (+25%), mentre la cassa integrazione è cresciuta del 4%.

Per citare alcuni casi che seguiamo da tempo, potremmo ricordare le vicende di Italtel, Nokia Siemens, Alkatel, Sirti, Agile, Bames, ma anche Riello e Sisme.

Insomma una situazione drammatica, che denunciamo da tempo rispetto all’inerzia della nostra Regione e che porta la percentuale di disoccupazione in Lombardia al 7% (contro il 4,2% del 2011).

CGIL chiede con forza un tavolo di confronto tra Regione, Governo e parti sociali. Monti e Formigoni, cosa rispondono?

Lascia un Commento