permalink

0

Maroni si assicura referendum per campagna elettorale

Lega

E così Maroni intende mettere fine al suo scialbo operato in anticipo, nascondendo dietro la nuova categoria politica della scaramanzia ragioni ben più realistiche di calcolo personale. E comunque anteponendo il proprio interesse di bottega a quello dei cittadini. A carico dei quali, anzi, riversa il costo aggiuntivo dei 46 milioni di euro del suo referendum propaganda sull’autonomia della lombardia, mentre prova ad assicurarsi, con il blitz sulla semplificazione, di poterlo tenere anche a scioglimento del Consiglio avvenuto e farne apertamente strumento di campagna elettorale.

Maroni derubrica le sue uscite a ipotesi da discutere con la maggioranza, dà percentuali che scoraggiano l’idea, ma intanto si spiana la strada, facendosi un bel regalo a spese dei lombardi e tentando pure di vendere i propri comodi come un risparmio di risorse. Resta ora il passaggio in Aula e lì, di nuovo, proveremo a contrastare questa operazione inaccettabile

Lascia un Commento