permalink

0

Non è un Paese per bimbi

L’Italia, insieme a Lituania e Turchia, è uno dei pochi Paesi in cui vige il divieto di fecondazione eterologa (cioè fecondazione “artificiale” con gameti estranei alla coppia”) a causa della pessima legge 40. La Corte di Strasburgo nel 2011 non ha ritenuto legittimo questo divieto che incide sul diritto alla salute e provoca un vero e proprio “turismo procreativo”.

Sulla base del ricorso di molte coppie contro la legge, ieri la Corte costituzionale ha esaminato questo divieto rimandando la questione ai giudici di merito che l’avevano sollevata. Vedremo come andrà a finire questa vicenda a colpi di carte bollate.

Certo, se la politica e il parlamento volessero fare qualcosa di utile e dimostrare di avere a cuore i diritti degli italiani, potrebbe intervenire per cancellare una legge oscurantista. Ma si sa, capita solo nei sogni…

Lascia un Commento