permalink

0

Pensieri di lungo respiro

L’estate non è solo vacanza… ma anche peggioramento delle condizioni di vita dei più deboli. Primi tra tutti i detenuti.

A Canton Monbello, la casa circondariale di Brescia, ci sono 526 detenuti per 208 posti disponibili. Se non lo si è visto, indubbiamente, ci vuole un po’ di immaginazione per intuire come si possa sopravvivere in celle iperraffollate quando aumenta la temperatura, un po’ come per intuire uno spicchio di inferno.
Eppure il comitato dei detenuti che abbiamo incontrato come Commissione Carcere della Regione Lombardia non ci ha parlato solo di aspetti materiali e di spazi – “ai detenuti è concesso uno spazio vitale inferiore al metro, mentre ai maiali è concessa un’area più estesa” – ma nella lettera che ci hanno consegnato e chiesto di diffondere (potete leggerla qui) hanno scritto di indulto e amnistia, della cancellazione delle leggi “criminogene” che hanno riempito le carceri ingiustamente (ex Cirielli, Bossi-Fini, Fini-Giovanardi), dell’abuso della custodia cautelare, della necessità di case per poter accedere alle misure alternative, della scarsa interazione carcere-lavoro-territorio.
Insomma, pensieri di lungo respiro da chi di aria non ne ha.

Lascia un Commento