permalink

1

Seveso: i 20 miliardi di lire alla Regione che fine hanno fatto?

20 miliardi di lire a favore della Regione Lombardia nel triennio 2001/03 per l’esecuzione delle opere e degli impianti necessari al controllo della falda acquifera di Milano. É la spesa autorizzata nel dicembre del 2001 dalla Legge 428.

Sono passati nove anni e sabato l’ennesima esondazione del Seveso ha prodotto danni ingenti e gravi disagi. Che fine hanno fatto quei soldi?

E’ quanto chiedo alla Giunta regionale con un’interrogazione presentata oggi in Consiglio:
come e quando quel finanziamento – che nulla c’entra con i fondi Fas bloccati dalla Finanziaria cui oggi ha fatto riferimento Formigoni – è pervenuto alla Regione? Se ciò non si fosse verificato, cosa è stato fatto per sollecitare l’allora Governo Berlusconi al mantenimento dell’impegno assuno?

Da oltre vent’anni, dopo una pioggia un po’ più abbondante del solito, il fiume Seveso allaga l’area nord-est della città. E puntualmente, gli amministratori di Milano si esibiscono nello scarico delle responsabilità su altri enti e nella litania della mancanza di finanziamenti per politiche di intervento idraulico.

Eppure scopriamo che una legge del 2001 stanziava per la Lombardia una somma cospicua proprio a tale scopo. I casi, a questo punto, sono due:
i soldi sono arrivati e sono stati utilizzati per altro anziché per porre rimedio a un problema che periodicamente mette in ginocchio Milano – e ci dicano per cosa;
oppure quei soldi non sono mai arrivati – e occorre allora parlare di inerzia colpevole da parte di un governo regionale che non perde occasione per attribuirsi poteri di ultima istanza.

In un modo o nell’altro, che venga fatta chiarezza.

Leggi il testo dell’interrogazione

1 Comment

Lascia un Commento