permalink

0

Ticket: la montagna ha partorito il topolino

Dopo critiche per nulla credibili al Governo amico e la promessa di possibili soluzioni di fronte alla rabbia dei cittadini lombardi, la montagna ha partorito il topolino.
Con la rimodulazione del ticket, Formigoni e Bresciani adottano un provvedimento che assume una specie curiosa di ‘equità tecnica’ ponendo rimedio ad alcuni effetti persino grotteschi – tassa superiore al costo dell’esame – ma che non tocca per nulla l’ingiustizia sociale né riesce a difendere la sanità pubblica.

La Lombardia è l’unica Regione senza obbligo di rientro che ha applicato già da ieri la normativa. E che ha in vigore sia i ticket sui farmaci sia l’addizionale Irpef. Con la storia della mancanza di risorse è proprio ora di finirla. Per coprire l’introito presunto da qui a fine anno ci vorrebbero 61 milioni di Euro? Bene. Sul capitolo dell’informatica sanitaria, quello della tanto decantata quanto vuota carta dei servizi, ci sono a bilancio 150 milioni di Euro per ognuno di questi tre anni.

I soldi ci sono. Si tratta, come sempre, di una questione di scelte. E, ancora una volta, Pdl e Lega hanno deciso di fare cassa sulla pelle dei cittadini

Lascia un Commento